28/06/2019

DISINFESTAZIONE VESPE E CALABRONI, COME AGIRE

La disinfestazione  da vespe e calabroni ha per obiettivo principale l’eliminazione dei nidi, in particolar modo di tutti quelli che rappresentano un vero e proprio pericolo per persone e animali domestici. Trattasi di un’operazione da effettuare quanto prima possibile, al fine di evitare un’infestazione massiccia.

La prima fase della disinfestazione da vespe e calabroni è rappresentata da un’accurata ispezione di un tecnico specializzato, che individua gli ingressi al nido, e procede poi con l’eradicazione dello stesso, mediante lance libere, che riescono ad erogare soluzioni insetticide anche ad elevata distanza.

L’eliminazione del nido di vespe deve sempre essere eseguita nel pieno rispetto delle norme di sicurezza, con particolare riferimento all’uso dei dispositivi di protezione dei disinfestatori. Ciò deve avvenire sempre, indipendentemente dalle dimensioni del favo (nido) e della sua posizione. Quando il nido si trova ad un’altezza particolarmente elevata, come ad esempio l’estremità della parete di un edificio, è necessario ricorrere all’utilizzo di una piattaforma aerea.

La rapida eliminazione di vespe e calabroni è  possibile grazie all’utilizzo di formulati  liquidi pronti all’uso, a base di piretroidi sinergizzati con piperonil butossido, in grado di bloccare il movimento delle ali per la presenza di appositi solventi. L’insetto caduto a terra, risulta innocuo e inoffensivo, perché impossibilitato a riprendere il volo. Muore a distanza di poco tempo.

Consigli utili

Per natura la vespa non è un insetto aggressivo. Attacca solo per difesa, quando la zona di suo dominio è minacciata. Solo in tal caso attacca, pungendo il nemico. Tale puntura sarà però mortale per l’insetto stesso.

Attenzione però: punture di vespe e calabroni non sono innocue per l’uomo. A causa del veleno tossico e irritante, possono portare, nel caso di soggetti allergici, a reazioni pericolose, come lo shock anafilattico